Infiltrazioni Vertebrali (Peridurali e Faccette Articolari Vertebrali)

Le procedure più eseguite nel nostro centro di terapia antalgica sono le infiltrazioni peridurali antalgiche e le infiltrazioni delle faccette articolari vertebrali; il paziente può conoscerle anche con i nomi: iniezione di anestetico nel canale vertebrale e blocchi peridurali o blocco delle faccette articolari.

Infiltrazioni Vertebrali (Peridurali e Faccette Articolari Vertebrali)

Queste infiltrazioni si dimostrano di grande efficacia nel mitigare il dolore derivante dalla sofferenza delle radici spinali (lombari, toraciche e cervicali), nonché dal dolore associato ai tessuti della colonna vertebrale, come la dura madre (il primo dei 3 foglietti di tessuto connettivo fibroso), i legamenti posteriori, le articolazioni vertebrali. Pertanto, la "lombosciatalgia o sciatica", il "colpo della strega", la lombalgia e i dolori cervicali costituiscono le principali condizioni per le quali questa tecnica risulta particolarmente indicata.

Cosa è un'Infiltrazione Peridurale Antalgica?

L’infiltrazione peridurale antalgica è un procedimento medico ambulatoriale durante il quale un farmaco antinfiammatorio (cortisone) e un anestetico vengono iniettati nella regione chiamata spazio epidurale che contiene i nervi spinali e le radici nervose che possono essere coinvolte nel dolore lombare o nella lombosciatalgia.

Gli obiettivi dell'Infiltrazione Peridurale sono diversi, tra cui:

  • Alleviare il dolore
  • Migliorare la funzione: consentire una migliore mobilità e funzione della zona interessata al fine di procedere con il trattamento riabilitativo più idoneo (fisioterapia)
  • Fornire un approccio conservativo: evitare o ritardare la necessità di procedure chirurgiche più invasive

Le infiltrazioni vertebrali vengono effettuate secondo un ciclo terapeutico di 2-3 infiltrazioni, in genere ogni 15-20 giorni.

Come si svolge la procedura?

Generalmente la procedura è ben tollerata da tutti i pazienti e il dolore avvertito è minimo.

  • Preparazione: il paziente viene posizionato comodamente sul lettino operatorio generalmente in posizione prona o seduta con la schiena flessa.
  • Anestesia locale: una piccola quantità di anestetico locale verrà utilizzata per intorpidire la pelle nella zona in cui sarà effettuata l'iniezione.
  • Iniezione: attraverso l'ausilio dell’ecografo o dei raggi-x il medico guiderà un ago sottile nella zona di interesse. Il farmaco antinfiammatorio e l'anestetico saranno quindi iniettati con precisione. È normale avvertire un po' di dolore o sensazione di pressione temporanea nella zona trattata.
  • Dimissione: dopo l'iniezione, il paziente verrà monitorato per un breve periodo per garantire che non ci siano complicazioni in genere lievi e transitorie. È possibile avvertire un lieve senso di intorpidimento o di debolezza alle gambe, alle braccia o a livello della regione infiltrata dopo l’iniezione. Questo è un effetto temporaneo legato all’uso dell’anestetico locale e si risolve in genere nell’arco di poco.

Infiltrazione peridurale: benefici attesi

L'obiettivo principale dell’infiltrazione peridurale è quello di ridurre l'intensità del dolore. Il sollievo può essere immediato o comparire gradualmente entro qualche giorno. Nel caso in cui il deficit delle funzionalità motorie dell'arto interessato sia principalmente legato all'entità dei sintomi dolorosi, il recupero delle funzioni motorie rappresenta un obiettivo secondario. Questo approccio si rivela utile sia dal punto di vista terapeutico che diagnostico, consentendo al medico di identificare la struttura responsabile della generazione del dolore, nota come "pain generator".

Infiltrazione peridurale: Probabilità di successo

La letteratura specializzata presenta dati notevolmente eterogenei in merito alle probabilità di successo e insuccesso di queste metodiche. Ci atteniamo alle linee guida, raccomandazioni ed algoritmi diffusi da Società Scientifiche Internazionali come la Spinal Injection Society, il World Institute of Pain e l'American Society of Interventional Pain Physicians.

Infiltrazione peridurale: Rischi e Considerazioni

Come per qualunque procedura medica sono descritte delle complicanze. Le più comuni sono lievi e di natura transitoria. A titolo di esempio riportiamo: dolore durante l’iniezione, transitorio aumento del dolore dopo l'iniezione, persistenza della sintomatologia dolorosa, mal di testa post-iniezione.

Dopo l’infiltrazione non ci sono particolari precauzioni. In genere viene raccomandato di non guidare nell’immediato post-blocco e di stare a relativo riposo nelle ore successive (non è indicato il riposo a letto). Non ci sono limitazioni dopo 24 ore salvo quelle già presenti prima dell’infiltrazione.

Informazioni

Prenotazioni Privati, Assicurati, Fondi

Online:
prenotazioni.osp-koelliker.it

Email:
prenotazioni.private@ospedalekoelliker.it

Centralino

Telefono:
011.6184.111

Orario:
Lunedì-Venerdì: 8.00-19.00
Sabato: 9.00-12.00


Prenotazioni SSN

Contattare il CUP Regionale al numero verde gratuito 800.000.500 attivo dal lunedì alla domenica dalle 8:00 alle 20:00.

Per prenotare presso l’Ospedale Koelliker esclusivamente gli esami sotto riportati, contattare il numero 011-61.84.511 oppure:

Le agende SSN 2024 saranno gestite dal CUP Regionale.

Medici Specialisti

News & Approfondimenti

Koelliker D'Azeglio
Galileo 18
Corso Galileo Ferraris, 247-255
10134 Torino TO
E-mail: info@osp-koelliker.it

Direttore Sanitario: Dott. Domenico Tangolo

Scarica subito gratis l'app Portale Pazienti Koelliker per prenotare visite ed esami clinici.

Google Play App Store