fbpx

Chirurgia Plastica e Ricostruttiva

La ricostruzione mammaria con impianti protesici


Chirurgia Plastica e Ricostruttiva

Nell’intervento di ricostruzione mammaria con impianti protesici, il volume definitivo della mammella viene ricostituito da una protesi in silicone posta al di sotto dei muscoli della parete toracica.
L’immediato posizionamento di una protesi definitiva (ricostruzione in un tempo), contestualmente all’asportazione della ghiandola, è un’opportunità possibile:

  • quando la localizzazione e la dimensione del tumore permettono di conservare l’intero rivestimento cutaneo ed il complesso areola-capezzolo, la mammella è di dimensioni medie e i muscoli che intervengono nella copertura della protesi sono trofici e sufficientemente estesi
  • quando la mammella è ptosica e di dimensioni medio-grandi; in questi casi nel corso della mastectomia viene anche ridotto l’involucro cutaneo, seguendo le tecniche usate abitualmente per l’intervento di mastoplastica riduttiva.

Si deve invece preventivamente posizionare un espansore al di sotto dei muscoli della parete toracica, che verrà successivamente sostituito da una protesi definitiva (ricostruzione in due tempi):

  • quando le caratteristiche dimensionali e la localizzazione della neoplasia richiedono l’asportazione di una certa quantità di cute e del complesso areola-capezzolo
  • quando la localizzazione e la dimensione del tumore permettono di conservare l’intero rivestimento cutaneo ed il complesso areola-capezzolo, la mammella è di dimensioni medio-piccole, ma i muscoli che intervengono nella copertura della protesi non sono sufficientemente trofici o estesi.

L’espansore mammario temporaneo è un “palloncino” di silicone, che viene riempito settimanalmente con soluzione fisiologica attraverso un’apposita valvola; il rifornimento continuo fino al volume desiderato, provoca la distensione progressiva dei tessuti muscolo-cutanei, consentendo di ottenerne la superficie necessaria per inserire dopo alcuni mesi la protesi definitiva.

Le matrici dermiche acellulari (ADM acellular dermal matrix) di origine suina o bovina vengono sempre più impiegate nella ricostruzione mammaria con protesi. Il loro contestuale utilizzo permette al Chirurgo di eseguire sempre la ricostruzione in un solo tempo chirurgico, riducendo al minimo l’impiego nella ricostruzione dei muscoli della paziente, finanche escludendoli totalmente (Braxon).
Queste matrici, oltre a permettere quindi una ricostruzione immediata, riducono di molto il dolore muscolare postoperatorio e gli eventuali deficit funzionali associati.

La Chirurgia Plastica e Ricostruttiva Koelliker si avvale di un team di Medici Chirurghi Plastici d’eccellenza, specializzati nella Chirurgia Ricostruttiva del Seno, che sotto la guida del Dottor Alessandro Rivolin opera attraverso le più moderne e sofisticate tecniche per ricostruzioni estremamente raffinate e risultati estetici naturali.

Approfondimenti


Prenotazioni

Prenotazioni online:
prenotazioni.osp-koelliker.it

Prenotazioni telefoniche SSN
Centralino: 011.618.4511
Lunedì – Venerdì: 8.00 – 17.00

Prenotazioni telefoniche Privati
Centralino: 011.618.4511
Lunedì – Venerdì: 8.00 – 19.00
Sabato: 9.00 – 12.00

Prenotazioni allo sportello:
Ingresso principale, corridoio a destra, accettazione centrale.
Lunedì – Venerdì: 8.00 – 19.30
Sabato: 8.00 – 13.30

Dove siamo
Ospedale Koelliker


Specialisti

Responsabile: Dott. Rivolin A.

Medico: Dott. Carlucci S.

Medico: Dott.ssa Polastri F.


QuestionClose
Scopri l’Ospedale dei bambini!